Restiamo Umani anche sui social

DI ANTONELLA SODDU

 

E da ieri che leggo in certi commenti sul caso dell’infermiere sardo affetto da ebola, i volti della pochezza umana, della paura che si trasforma in meschinità, dell’esser umano che si trasforma nel verme più viscido. Io ultimamente sto pensando di rinunciare a leggere sulle pagine facebook dei quotidiani online perché sono diventate un centro di raccolta indifferenziata del genere umano. Questi alcuni commenti, che sinceramente incutono più paura dell’Ebola:

1 ) Non ho capito perché è venuto qua, non poteva curarsi lì?

2 ) Ma perché non è rimasto a farsi curare in Africa, giacché sono strutturati per contrastare l’ebola, anziché portare guai alla nostra comunità già in forte sofferenza?

3 ) Appunto “ci sono tanti sardi da aiutare qui, perché andare in Africa?”

4 ) Ho sentito che a Sassari ci sono tre persone in quarantena.

5 ) Alla Sardegna manca solo l’Ebola.

Sono i commenti meno indecenti. Il resto fortunatamente è stato rimosso da chi nella redazione ha ancora un minimo di buon senso. Mi domando, ma davvero è questo il mondo che viviamo tutti i giorni? Mi viene in mente una recente canzone, mi pare di Paolo Mengoni – “credo negli esseri umani che hanno il coraggio di essere umani”. Ebbene questi esser umani che hanno il coraggio di essere umani non si può certo ritrovarli in chi ha scritto, pensando davvero, i commenti di cui sopra. Mi son chiesta mille volte, ma hanno sentito qualche volta in tv la storia del paziente zero, il primo contagiato italiano? Forse no. O forse, peggio, hanno visto e sentito ma non hanno capito nulla né di cosa sia l’ebola, né di cosa sia il senso del fare volontariato. Era esattamente il 2 gennaio scorso il medico di Emergency Fabrizio Pulvirenti veniva dimesso dopo un mese di cure dall’Istituto nazionale per le malattie infettive “Spallanzani”. Oggi Pulvirenti è tornato a fare il medico in ospedale, cura i pazienti di quella struttura ospedaliera e a oggi non è registrata la cosiddetta “unzione” come vorrebbe la logica dei commenti i cui probabilmente, invece, provengono da untori d’ignoranza. In conclusione, provo a fare un tentativo, forse vano, per rispondere alle domande; 1) L’Infermiere è rientrato in Italia e quando dopo un leggero malessere verificatosi, appena poco dopo ha capito che poteva aver contratto il virus, ha eseguito tutte le procedure previste dal protocollo, si è messo in autoisolamento. Non ha avuto contatti con nessuno ( tranne che nelle poche ore dopo il suo rientro a casa con tre dei suoi famigliari che allo stato attuale sono sotto regime di quarantena per le verifiche del caso ) ha chiamato il 118, dalla centrale operativa sono state attivate tutte le misure del caso ponendo in essere il protocollo vigente. 2 ) se i sintomi li avesse avuti quando era in Africa, non avrebbe potuto viaggiare perché anche in questo caso ci sono delle procedure che vanno eseguite alla lettera. Che dire, poi, dell’ennesima domanda – “ci sono tante persone da aiutare in Italia, perché andare in Africa? Credo davvero che chi fa questo discorso non abbia la benché minima idea di cosa sia fare il volontariato, dedicare un po’ del proprio tempo agli altri. In Italia non mancano i volontari; ci sono e sanno fare il loro dovere con dedizione e competenze. Sono stanca di ripeterlo, ho fatto volontariato per cinque anni in 118 e mio malgrado non ho potuto, evitate di fare degli interventi di soccorso a persone affette da malattie infettive. E’ la stessa centrale operativa che, contattata dal paziente, attiva le procedure avvisando il personale laico di prestare la massima attenzione e indossare tutti i dispositivi di sicurezza. Eseguito il soccorso, possibilmente si deve chiedere il cambio e mettersi a disposizione per i controlli a monitoraggio. Il personale è esentato dal prestare servizio fino a conferma della negatività dei test. Provate per un solo secondo a pensare, la centrale operativa allerta l’ambulanza di base – “sospetto caso meningite”, oppure, “prestare massima attenzione, paziente affetto da epatite c”. Siamo in Italia, in Sardegna, o in qualsiasi altra regione, che si fa, non si soccorre? Insomma, questo per dire che una malattia infettiva si può contrarre anche qui in Italia, dove per la logica ignoranza di qualcuno si dovrebbe fare volontariato anziché andare in Africa. Infine, e termino, mi rivolgo a Gino Strada, che apprezzo per quanto è riuscito e riesce a fare con Emergency. Gino voglio però farti notare un piccolo incongruenza; ti ho sentito spesso dar contro il nostro sistema sanitario nazionale, probabilmente per molti casi hai ragione, però in questo momento un tuo cooperante, ed è il secondo, lo stanno curando in un ospedale pubblico. Gino, detto tra noi, il nostro SSN per inciso è uno dei migliori al mondo e non può una volta esser fatto da incompetenti e corrotti, e quando serve, diventa da superesperti. In questo momento le cure all’ infermiere, come alcuni mesi fa a Pulvirenti, sono fornite dal sistema sanitario nazionale, quindi pubblico. E provo ribrezzo al solo pensiero che, molti lamentino che – “vanno a fare i volontari s’infettano poi tornano in Italia a farsi curare dello SSN. Auguri di pronta guarigione all’infermiere, e un pensiero – “restiamo umani, abbiamo il coraggio di esser umani” – rivolto ai commentatori d’ignoranza conclamata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...